Cerca

ROY MENARINI

Cinefilia, ricerca, visioni

Panopticon della critica: attori, giochi, divismo, realismo

L’inizio del Festival di Cannes è di solito il vero kick off della stagione primavera/estate del cinema, e per un paio di settimane si dibatterà di film e autori, oltre che probabilmente di temi che in concorso e fuori concorso verranno stimolati. In Italia, mentre Sorrentino è nelle sale ormai con entrambi i capitoli di Loro e anche Garrone è in arrivo, la critica sembra tornare a concentrarsi sul cinema italiano e il suo rapporto con il presente. Meno sembra aver da dire su Avengers: Infinity War che, per carità, gode di ottima stampa ma non sembra mettere in gioco tutta la passione e l’intensità che smuovono i due autori succitati (particolarmente Sorrentino). Nel frattempo, ecco alcuni appuntamenti e novità da segnalare. Continue reading “Panopticon della critica: attori, giochi, divismo, realismo”

Annunci

Cinema e primavera: format, postmodernità, artisti visuali

Si apre ufficialmente la stagione primaverile della cinefilia e dell’accademia, il che – tradotto – significa festival sempre più numerosi in arrivo, anche e soprattutto in Italia, prima e dopo la molto attesa nuova edizione di Cannes, che segue l’infausta (ma un po’ esagerata dai media) edizione del 2017. Momento invece meno vivace per le sale cinematografiche, che scontano i primi caldi in attesa magari di riequilibrarsi (almeno quelle più commerciali) con i blockbuster supereroistici e fantascientifici in arrivo. Nel nostro piccolo mondo di studi e di riflessioni, anche molte nuove uscite editoriali e online, di cui parliamo qui sotto…. Continue reading “Cinema e primavera: format, postmodernità, artisti visuali”

Teoria del cinema, ieri oggi domani

Passata la sbornia (contenuta) degli Oscar nonché le elezioni politiche, in un inizio marzo particolarmente denso di avvenimenti, possiamo ora tornare con più calma alle nostre amate carte, al cinema fatto e visto, e al pensiero critico, storico e teorico. Ed è proprio a quest’ultimo che dedichiamo oggi una sorta di post monografico, viste le molte uscite contemporanee di un settore (la film theory) meno frequentato di un tempo dall’editoria e dall’accademia italiana. O forse non è vero, e molte ricerche o pubblicazioni degli ultimi anni in verità fanno teoria, solo che non le diamo questo nome in senso tradizionale.  Continue reading “Teoria del cinema, ieri oggi domani”

Corpi di attrici e attori, (fanta)scienze e comicità.

Uso un po’ di immodesta autobiografia per scusarmi del ritardo di questo post, che ha decisamente saltato la cadenza (circa) quindicinale che cerco di dare al mio blog. Come giustificazione offro dunque il rush finale per la consegna all’editore Diabasis del mio ultimo volume, una raccolta di saggi finalmente ultimata e che ora posso annunciare in uscita a metà maggio, con il titolo Il discorso e lo sguardo, dedicata a critica e cinefilia. Ci sarà tempo per riparlarne. Per ora riprendiamo il nostro spirito di servizio con alcune segnalazioni. Continue reading “Corpi di attrici e attori, (fanta)scienze e comicità.”

I margini dell’audiovisivo: metamorfosi e immaginari

Traumatico per molti, il rientro post-natalizio porta invece grandi soddisfazioni al cinefilo italiano, perché si può godere molti titoli che la distribuzione nazionale ha tenuto in serbo per i mesi freddi. Meno esaltante, invece, il bilancio 2017 nelle sale italiane, con diminuzioni in doppia cifra. Torniamo a ribadire che bassterebbe poco per essere un po’ più solidi: migliorare il prodotto, certo, ma anche e soprattutto garantire maggiori liberalizzazioni per gli esercenti. Comunque non è andata bene, anche se mi sento di affermare che poteva andare peggio. Ovviamente, anche il mondo accademico si muove, con iniziative imminenti e i secondi semestri in rampa di lancio, con la pia speranza che ricerca e didattica tornino ad avvicinarsi un po’, almeno nelle lauree magistrali.  Continue reading “I margini dell’audiovisivo: metamorfosi e immaginari”

I migliori film del 2017

Per il tradizionale buon anno, dopo aver visto fino all’ultimo film uscito a dicembre, e dopo due-tre giorni di ulteriore riflessione, eccomi a voi con la classifica del 2017. Alcune avvertenze: mancano come al solito alcuni film amatissimi internazionalmente ma che a mio parere sono stati largamente sopravvalutati (Dunkirk è uno di questi, ma vale anche per La La Land); si va dall’ultimo al primo per favorire il crescendo nella lettura; si è tenuto conto esclusivamente dei film ufficialmente usciti in Italia dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017; non ci sono film distribuiti su altre piattaforme come Netflix, per scelta critica; non si tiene conto di serie televisive, questa è una classifica di lungometraggi per il cinema (niente Twin Peaks, per quanto straordinario sia stato). E non dimenticate di leggere le schegge di cinema finali, cui tengo molto. Buona lettura. Continue reading “I migliori film del 2017”

Star, dress, action, giallo, film: schermi, critiche e letture

Post pre-natalizio con un po’ di appuntamenti e letture. Periodo freddo e poco attuale per manifestazioni festivaliere, che vanno in letargo, e proficuo per andare al cinema, vedere serie televisive e leggere tutto quello che si è smarrito nei mesi. Nel nostro caso, preparo per il rientro una serie di recensioni e segnalazioni nell’ambito dei television e media studies. Non prima, però, al solito a inizio gennaio, di aver proposto la mia tradizionale classifica dell’anno (poco umilmente invece, risparmiamo le altre liste che stanno spuntando ovunque, giustamente). Nel frattempo, prima di augurare buone feste a tutti, ecco i contenuti di oggi.  Continue reading “Star, dress, action, giallo, film: schermi, critiche e letture”

Dalla critica all’identità, attraversando il cinema italiano

Le sale si avvicinano un po’ mestamente a Natale, con un bilancio novembrino tutt’altro che esaltante e, a dirla tutta, non sembra che nemmeno le feste possano ribaltare la sensazione di scarsa euforia (sebbene Star Wars VIII Coco promettano ottimi incassi). In questi giorni poi si avvia a conclusione il TFF a Torino, che conferma la sua vocazione urbana e cinefila, e con esso la stagione dei festival (pur con alcune lodevoli eccezioni invernali) dà appuntamento a Berlino e alla primavera degli eventi 2018. Chi si trova nel suo picco di intensità è invece il mondo universitario, almeno quello legato al cinema, ed è proprio da quello che partiamo.

Continue reading “Dalla critica all’identità, attraversando il cinema italiano”

Geografie e schermi, tra critica culturale e storia contemporanea

Il clima morde e le sale ricominciano a riempirsi. Quanto ai festival, archiviata dignitosamente la Festa di Roma (con strascico di polemiche tra critici, e tra un critico e il direttore Monda), si passa al più dinamico Torino, dove la benemerita retrospettiva De Palma oscura un po’ il resto, per quanto interessante e fruttuoso. Il panorama televisivo non fa poi che confermare il ruolo di nuovo molto attivo del cinema nei palinsesti, grazie anche alla vaporizzazione degli ascolti, con alcuni miracoli popolari (vedi i film con Bud Spencer e Terence Hill) che continuano ad accadere in termini di share. Quanto alla serialità, la splendida Mindhunter ha lasciato una traccia che prevediamo duratura sui cinefili da piccolo schermo, anche se è Stranger Things 2 a prendere il centro della scena.

Continue reading “Geografie e schermi, tra critica culturale e storia contemporanea”

Blog su WordPress.com.

Su ↑