wallpaper-di-federico-fellini-67616

Settimana entusiasmante per i cinefili, quella imminente in TV. Andiamo con ordine:

Domenica 27 notte, ore 03.50, Fuori Orario, Rai Tre, la splendida Fantarca di Vittorio Cottafavi, a suo modo visionaria opera da camera ambientata nel 2250, con musica di Roman Vlad.

Lunedì 28 ottobre, ore 21.15, continua il viaggio nei film sull’Ok Corral di Rai Movie, con Vendetta all’Ok Corral di John Sturges, 1967, col dimenticatissimo e grande James Garner.
Di notte, 01.15, ancora fantascienza d’autore su Fuori Orario, con La fine del mondo, 1931, di Abel Gance, suo primo film sonoro e catastrofico ante litteram.
Non è finita. Quando sarà ormai l’alba di martedì, ore 05.10, Rai Movie, Secret Gold di Seijun Suzuki, 1960, inedito su piccolo schermo, cinema d’azione di un autore epico, che per motivi di puro vitalismo è nouvelle vague senza volerlo essere.

Martedì 29 ottobre, per chi non lo ha visto, obbligatorio il capolavoro Essential Killing di Jerzy Skolimowski, 2010, su Rai 4 ore 23.10, animalesco e primitivo (la sequenza del latte rimane forse la più terribile e al contempo umana del cinema contemporaneo).

Mercoledì 30 ottobre, consiglio il must Take Shelter di Jeff Nichols, 2011, opera seconda di un ottimo regista, sospesa tra paesaggismo americano e biblicità, con un finale eccezionale (e una Chastain formidabile).
Alle 22.30, su Rai Storia, il bel documentario di Marco Bechis, Il sorriso del capo, 2010, dove archivio nazionale e singolarità della memoria deflagrano con grande intelligenza.
Contemporaneamente, l’imperdibile The Yards, di James Gray, immeritatamente sconosciuto ai più (Iris, 22.50).
Nella notte all’1.30 comincia il mega-omaggio a Fellini nel giorno dei venti anni della sua morte, con Prova d’orchestra su Rai 1, e 8 1/2 su Rete 4.

Giovedì 31 ottobre, maratona felliniana ovunque. Rai Movie programma film del regista riminese tutto il giorno. In mezzo, alcune curiosità, come Ricordi di un assistente di Fellini (16.15), del 2013, di Gérald Morin, e Noi che abbiamo fatto la dolce vita, di Mingozzi, 2009 (alle 4 della notte). Anche Rai Due e Rai Tre piazzano film di Fellini in palinsesto, così come Rete 4.
Se la sbornia è troppa, alle 23.15 su Cielo fa capolino un piacere piccolo e privato come Redbelt, misconosciuto Mamet del 2008.

Venerdì 1 novembre riecco Fuori Orario con un altro Tarr inedito, Almanacco d’autunno, 1984, alle 2 di notte (seguito da un Genina, L’edera del 1950).

Sabato 2 novembre, se sopravvissuti, quasi commovente che ci sia Malombra di Soldati in prima serata su Cielo, mentre ennesimo Fuori Orario da lacrime con l’inedito (e corrusco) L’amore è più freddo della morte del giovanissimo Fassbinder (1969), poi un Bressane d’annata (L’angelo è nato), e Bande à part di Godard. Occhio anche su Rai 4 a Red Riding 1974, primo capitolo di una serie di film inglesi tratti da David Peace.

Buona visione.

Annunci