Cerca

ROY MENARINI

Cinefilia, ricerca, visioni

Mese

ottobre 2013

Appuntamenti della settimana

pollock_number-8

Cerchiamo, come promesso, di proporre le cose più interessanti che ci sono in Italia in questi giorni, a cominciare da quelle che frequenterò io:

Incontri del cinema d’essai a Mantova (8-10 ottobre)

Terra di Tutti Film festival a Bologna (10-13 ottobre)

Poi, segnalo anche:

Asiatica Filmediale a Roma (12-20 ottobre)

Pollock e gli irascibili a Milano (9-19 ottobre), di cui riporto anche la presentazione: Presso la Sala Alda Merini – Spazio Oberdan della Provincia di Milano, dal 9 al 19 ottobre 2013, Fondazione Cineteca Italiana propone “Pollock e gli Irascibili, dalla tela allo schermo”, una rassegna cinematografica realizzata con la collaborazione e il sostegno del Comune di Milano che si lega alla mostra “Pollock e gli Irascibili” organizzata dallo stesso Comune di Milano e in esposizione a Palazzo Reale dal 24 settembre 2013 al 16 febbraio 2014. La mostra inaugura una serie di iniziative nell’ambito delle celebrazioni dell’”Autunno Americano” e consta di oltre 60 capolavori provenienti dal Whitney Museum di New York. I 18 artisti in esposizione, guidati dal carismatico Jackson Pollock e definiti “Irascibili” da un celeberrimo episodio di protesta nei confronti del Metropolitan Museum of Art, diedero vita a quella che poi fu chiamata “la Scuola di New York”: un fenomeno unico, noto anche come espressionismo astratto, che dal secondo dopoguerra influenzò lʼArte Moderna in tutto il mondo.

La proposta filmica in programma a Spazio Oberdan vuol essere un arricchimento del percorso della mostra per dare a tutti gli appassionati l’opportunità di approfondire attraverso le immagini in movimento e il linguaggio cinematografico la dinamicità estetica di un periodo e di una scena artistica fra le più importanti del secolo scorso. Il programma si articola in tre “capitoli”: il primo dedicato proprio a Jackson Pollock e Mark Rothko; il secondo su Andy Warhol (attraverso tre delle sue più celebri icone, Marylin Monroe, Audrey Hepburn, Edie Sedwick) e la Pop Art, il movimento di avanguardia al quale gli “Irascibili” passarono il testimone; il terzo pensato per illustrare l’avanguardia espressiva cinematografica della scena newyorkese dagli anni ’50 ai primi anni ’60.
Fra i titoli, abbiamo inoltre inserito “Deserto rosso” di Michelangelo Antonioni, film che contiene citazioni di opere di Mark Rothko da parte del regista ferrarese che, lo ricordiamo, fu a sua volta raffinato pittore.

Telefilia 5-12 ottobre

doc-holliday-1971-01-g

Da questa settimana la rubrica dedicata ai consigli cinefili in tv verrà pubblicata il sabato, impegni permettendo:

Anzitutto, Fuori Orario, con una notte, questa tra sabato e domenica, dedicata a Franco Brocani (Necropolis, e altro). Domani, nella notte tra domenica e lunedì, ancora Brocani (A ridosso dei ruderi), seguito da Marguerite Duras con Il dialogo di Roma, ben poco noto. Contemporaneamemnte, però, su Rai Due, alle 2 di notte, da registrare (o vedere per i nottambuli) Macchie solari, horror culto e colto di Armando Crispino, 1975, con Mimsy Farmer. Lunedì notte, altri corti di Brocani.

Altre visioni:

Rai 4, lunedì ore 21, Mother di Bong Joon-ho, nuovo principe del cinema coreano, con un’opera del tutto inedita e molto ben accolta internazionalmente. In perfetta, disdicevole contemporaneità (ma controllate le repliche), su Rai Movie, il meraviglioso Doc di Frank Perry, 1971, forse il più dolente dei film sulla sfida all’Ok Corral.

Sempre Rai Movie, martedì 8 ottobre ore 8.40, Poliziotto o canaglia di Lautner con Belmondo, curiosamente in prima tv free, un solido polar, che porta al deliquio i maniaci del genere.

Rai 5, 9 ottobre, ore 23.45, Addio al passato di Bellocchio, 2002, pochissimo visto, dedicato a Verdi, tra autofiction e documentario. Da abbinare l’11 ottobre, Rai 5, ore 21.15, con W Verdi Giuseppe, dei documentaristi Pedrini e Livermore, 2011, mai visto.

Italia 7 Gold, 11 ottobre ore 22.45, splendido omaggio all’appena scomparso Richard C. Sarafian, col bizzarro e randagio L’uomo che amò gatta danzante, 1973, con Burt Reynolds e Sarah Miles.

Rai 3, notte tra l’11 e il 12, ancora Fuori Orario, con Benilde, un De Oliveira del 1975, seguito dal più celebre Specchio magico, sempre dell’immortale Manoel.

Appuntamento al 12 ottobre per questa rubrica. Buone visioni.

RoBOt Festival

IndieGameTheMovie_filmstill6_TitleScreen_byIndieGameTheMovie

Il Robot Festival (2-5 ottobre 2013) è un evento che si è guadagnato strada facendo la sua fama, tra ricerca musicale, arte digitale e performance tecnologica. La sezione cinematografica, che segue linee simili di sperimentazione e approfondimento sui linguaggi ibridi, offre quest’anno parecchie cose interessanti, come si può vedere qui sul programma. Io ci sarò.

Blog su WordPress.com.

Su ↑