NICK-Ray_we-cant-go-home-again

 

Col nuovo anno torna anche la rubrica dedicata ai film in TV. Visto che qualcuno me lo ha chiesto, ribadisco che si tratta di scelte molto personali, che cercano di privilegiare alcune categorie di film come quelli (radicalmente) cinefili, curiosi, inediti, sorprendenti, nascosti, tutti comunque appartenente a una sorta di “anima cinefiliaca” generale. Ovviamente, è un gioco, con qualche vantaggio come quello di spartire e segnalare proiezioni che magari finirebbero ignorate. Ho scelto di parlare solamente dei canali free per comodità. Si parte:

Domenica 12, alle 20 su La Effe, tutto in un colpo, il bellissimo dittico di Jacques Rivette su Giovanna D’Arco del 1994, 4 ore di cui non ci si pente di sicuro. Dopo di che, a mezzanotte e 50, ecco su Rai Movie We Can’t Go Home Again, il film ritrovato, sperimentale di Nick Ray, proprio mentre su Rai Tre Fuori Orario in contemporanea presenta il Cinecalendario di Stato di Vertov, 1923, solo 8 minuti.

Lunedì 13 il primo dei molti western che citeremo questa settimana, ore 21.15 su Rai Movie, in prima visione TV, Meglio morto che vivo, dimenticatissimo capolavoro di Robert Sparr, con un raro Vincent Price cowboy e tanta malinconia crepuscolare. Segnaliamo anche, su Rai 5, l’inconsueto Aguaspejo Granadino, di José Val del Omar, 1955, solo 20 minuti per un viaggio tra documentario e visione nella Spagna di quegli anni.

Martedì 14 corre l’obbligo di apprezzare la serata di Rai 5, tutta dedicata a Jim Jarmusch e ai suoi Broken Flowers, ore 21.15, più conosciuto ma poco visto, e Ten Minutes Older: Il trombettista, ore 23, corto di 10 minuti con una splendida Chloe Sevigny.

Mercoledì 15, su La Effe ore 22.40, il divertente Guida perversa all’ideologia, I Parte, viaggio nella mente instabile di Slavoj Zizek, e a tarda notte, ore 05.15, su Rai Movie, l’esordio folgorante di Gus Van Sant, Mala Noche.

Giovedì 16, in prima serata (mirabile dictu) su Rete 4, Hatfield & McCoys, western televisivo nuovissimo di Kevin Reynolds con Kevin Costner, e c’è poco altro da aggiungere. Prima alle 12.25, per preparare le atmosfere del selvaggio ovest, ecco All’ombra del patibolo di Nick Ray con James Cagney, su Rai Movie.

Venerdì 17, rimanendo nel western crepuscolare, Cattive compagnie di Robert Benton, 1972, con Jeff Bridges, su Rai Movie a mezzogiorno. Tutt’altre atmosfere alle 22.45 su Rai 5, con Città nuova: infanzia di una città, documentario architettonico e metafisico di Eric Rohmer del 1975. Su Fuori Orario, a partire dalle 2 di notte, Gioco sessuale di Adachi (molto wakamatsuiano), La cinese di Godard e il doc Anabasis, di Eric Baudelaire, dedicato ai comunisti combattenti giapponesi e ancora basato su Adachi Masao.

Sabato 18, la settimana si chiude ancora con Fuori Orario: un vecchio scandalo anni ’70, Spostamenti progressivi del piacere, 1973, di Robbe-Grillet, poi ancora Adachi con Zona sessuale e infine l’ottimo Snake of June di Tsukamoto…

Annunci