white

 

Come farmi perdonare il lungo silenzio? Presumendo che qualcuno se ne sia accorto, ovviamente. In ogni caso, rieccomi con il blog, silenzioso a causa dei convegni e festival che ho affrontato e di cui ho scritto su altre testate. Era comunque solo una piccola pausa, in attesa di quella più corposa che avverrà ad agosto, ma di cui darò informazione chiara al momento opportuno. Ora cerco di recuperare con una bel po’ di segnalazioni.

Cominciamo dai festival:

– Inizia a Gorizia venerdì 18 luglio, e termina il 24, il Premio Sergio Amidei, festival dedicato alla sceneggiatura e alle pratiche di scrittura e immaginario del cinema. Come molti sanno, per molti anni mi sono occupato del coordinamento artistico, prima insieme a Mariapia Comand, poi da solo. Il mio trasferimento universitario da Gorizia a Bologna/Rimini ha fatto sì che, inevitabilmente, d’accordo con la direzione organizzativa, il mio ruolo sia stato affidato ad altri, ovvero alla stessa Comand, tornata in sella. A lei e allo staff auguro di cuore il miglior successo per l’iniziativa, che seguirò come spettatore almeno nel primo weekend. Il programma, molto ricco, comprende una retrospettiva integrale dedicata a Mazzacurati, una sezione sulla Prima Guerra mondiale con filmati molto rari, una retrospettiva ultra-cinefila sul concetto di “cinema politico horror-fantastico” in Italia, e una mappatura dell’horror indipendente contemporaneo, sempre di ambito nazionale.

– Pazzesco post di Catherine Grant, infaticabile, sul blog Film Studies For Free. All’interno, tra le altre cose, un podcast con una conversazione molto ricca, tenutasi a Milano durante il NECS, tra lei e Adrian Martin. Qui il post con relativi contenuti.

– Tra le cose segnalate, anche un importante saggio della stessa Grant, insieme a Christian Keatley, dedicato alla nuova cinefilia, sul sito Photogenie.be.

– Interessantissimo, come al solito, anche il numero di “Offscreen” dedicato alle serie televisive. Non un argomento nuovo, a dir poco, ma sviluppato con griglie intelligenti. Qui il numero free.

– Strepitoso nuovo numero, il 6, per “Desistfilm”, rivista nata in Perù, ma internazionale per staff, dove si parla di “Film Diaries”.

Nuovo post del grande cinefilo, e amico, Girish Shambu, con molte riflessioni e link.

– Venendo all’Italia, ci piace segnalare l’uscita del n. 8 di “Immagine – Note di Storia del Cinema”, rivista dell’AIRSC, e davvero importante anche per i ricordi di e su Alberto Friedemann che vi sono contenuti.

– Infine, last but not least, festeggiamo la nascita di una nuova rivista cartacea e cinefila, “Marla”, sulla quale scriverò anche io a partire dal numero 2. Si tratta di un bimestrale dedicato al “cinema alla fine delle immagini”, quindi con una forte predisposizione all’interdisciplinare, diretta da Ivan Moliterni. Qui la presentazione.

Annunci