Come ogni giugno che si rispetti, il calo dell’attività didattica non corrisponde a un letargo della trasmissione della cultura cinematografica. Anzi. Il periodo è densissimo, come vedremo, sia dal punto di vista dei festival, sia da quello dei convegni, e non poco ha a che fare anche con il mercato editoriale specialistico. Non parliamo poi delle offerte cinematografiche e audiovisive, che necessitano di sempre maggior attenzione: dal nuovo documentario di Scorsese (Netflix) a Chernobyl, dalle nuove stagioni di importanti serie a Too Old to Die Young, strepitoso lavoro che Nicolas Winding Refn ha distribuito su Amazon; una serie di 800 minuti divisi in 10 episodi, segnale al tempo stesso esaltante e inquietante della quantità di contenuti qualitativi e massimamente articolati che stanno proponendo i siti di streaming. Sempre più dura la vita delle sale, che però stanno cercando una complessa affermazione estiva. Vedremo. Continua a leggere “L’estate bollente della cinefilia e della ricerca”

Annunci