Cerca

ROY MENARINI

Cinefilia, ricerca, visioni

Autore

roymenarini

Docente universitario, critico, saggista, studioso, commentatore della cultura e della ricerca.

Televisioni complesse e critica della serialità

Approfittando dell’inizio del periodo di garanzia e della partenza ufficiale dei palinsesti autunnali (anche se incompleti), parliamo oggi di libri sulla televisione. Inutile sottolineare che i television studies attraversano un momento molto brillante, anche perché le forme del piccolo schermo – chiamiamole così, con un po’ di ingenua nostalgia – si sono integrate in maniera suggestiva e integrale con i mezzi digitali, costituendo un terreno di enorme interesse. Non pretendendo di trasformarci in esperti del settore, ci pare che la serialità – pur con tutta l’ottima letteratura scientifica prodotta in questi anni – rimanga un terreno non del tutto arato, anche per la frequenza con cui la produzione e l’audience tendono a terremotare i dati acquisiti sino a poco prima. Continue reading “Televisioni complesse e critica della serialità”

Annunci

Il ritorno degli autori e le promesse del cinema

Con la Mostra del Cinema indirizzata verso la conclusione, Dunkirk in testa al box office con un war movie da cinema-cinema di un regista che odia i piccoli schermi, Eraserhead in grado di ottenere eroiche medie copie nella manciata di sala in cui esce, e qualche segnale positivo dal pubblico (forse uscito dal torpore estivo), le prospettive di rilancio della cultura cinematografica si fanno lievemente più ottimistiche. Accademicamente parlando, al di là delle vertenze sindacali e degli scioperi, ci si prepara a un autunno molto intenso, con appuntamenti, convegni, uscite editoriali e nuove iniziative di cui daremo via via informazione.

Continue reading “Il ritorno degli autori e le promesse del cinema”

Dal classico al festival, dalla cinefilia al sistema: indagini e sguardi

La stagione, pur ricominciata ufficialmente con Cattivissimo me 3 (a seguito di un’estate infame quanto a titoli distribuiti e vuoto nelle sale), inizia più simbolicamente con la Mostra del Cinema di Venezia. Dopo una delle edizioni più contestate di sempre a Cannes, è normale che la cultura cineematografica internazionale guardi al Lido con qualche speranza, e che le istituzioni italiane sperino di erodere qualche spazio alla sempre invidiata Croisette. Parleremo dunque di festival, approfittando anche di un’uscita editoriale. Continue reading “Dal classico al festival, dalla cinefilia al sistema: indagini e sguardi”

Autori, teorie, culture italiane

Eccoci riemersi dalla pausa estiva, come promesso, per riallacciare il contatto con il cinema (e non solo, visti questi mesi dominati da due delle serie televisive più influenti per come hanno saputo usare la lunghezza del palinsesto e ribaltare il dominio del binge watchingGame of Thrones Twin Peaks – Il ritorno). Il periodo di pausa è servito per leggere molte cose che avevamo impilato sulla scrivania in attesa di essere gustate a dovere. E al tempo stesso per smaltire il sovraccarico di festival e convegni che dalla primavera hanno saturato (non lo si dice con accezione negativa) la vita dello studioso aca-fan. Peccato non aver potuto seguire in loco Locarno, che ha confermato a quanto si legge l’ottima qualità media e soddisfatto la promessa di una eccezionale retrospettiva (quella su Jacques Tourneur, curata da Rinaldo Censi e Roberto Turgliatto). Venezia è alle porte, intanto, e ne riparleremo nel prossimo post. Nel frattempo, via agli aggiornamenti.

Continue reading “Autori, teorie, culture italiane”

Ultimo post (prima dell’estate…poi torno)

 

 

Come ogni anno, arrivando un po’ alla frutta a metà luglio – e assottigliandosi gli appuntamenti cinefili, accademici e editoriali – preferiamo un mesetto di chiusura per poi tornare pimpanti a proporvi piaceri e contenuti ameni prima di Venezia. Tra l’altro, sono indietro con molte letture (me ne scuso con colleghi e case editrici che mi hanno messo nelle condizioni di avere i volumi in mano): sarà mia cura completare gli studi ad agosto e poi relazionarvi sulle tante belle cose distribuite in queste settimane. Nel frattempo, però, non mancano segnalazioni di vario tipo, e tutt’altro che secondarie, quindi mai lamentarsi. Continue reading “Ultimo post (prima dell’estate…poi torno)”

Il paradiso dei cinefili e dei ricercatori

Devo dire che è proprio quando la morsa di caldo si fa più feroce, che il cinema ti salva. Per le arie condizionate in sala (non da tutti amate, ma senza alternative), certo, ma anche per il ribadito proliferare di iniziative, di festival e di convegni. Partiamo proprio da queste manifestazioni, indicandone alcune. Continue reading “Il paradiso dei cinefili e dei ricercatori”

Il cinema allo specchio: mascolinità, nazionalità, identità mediali

 

Il dopo-Cannes è stato fagocitato dalla discussione sul perché la settantesima edizione sia stata, a detta di molti, assai deludente. Avendo potuto (per una ricerca che sto compiendo) raccogliere una copertura molto ampia della ricezione critica dei festival, sono emersi al tempo stesso dibattiti ricchi, proficui, e valutazioni grossolane, ignare di qualsiasi teoria dei festival. In ogni caso, emerge sempre più chiaramente che i discorsi intorno al rapporto tra sistema cinematografico e nuove piattaforme, o tra cinema e media digitali, non riescono a trovare un loro equlibrio. La fase è di passaggio, sarebbe meglio evitare posizioni apodittiche che saranno magari smentite dalle future trasformazioni. Intanto noi procediamo, illustrando altri eventi, altri convegni, altri festival, e molte letture.  Continue reading “Il cinema allo specchio: mascolinità, nazionalità, identità mediali”

Attori, autori e avanguardie: il maggio del cinema pensato

 

Cannes a pieno regime, sia pure – a giudicare dalla ricezione critica – in una delle sue annate meno entusiasmanti. La Croisette rischia di venir ricordata questa volta soprattutto per la polemica tra Frémaux e Netflix, indicativa del periodo di transizione che stiamo vivendo. Della transizione ci si accorge sempre dopo, ma mai come in questi anni ci sembra di esservi immersi: parliamo di sistema mediale, ma potrebbe – chissà – valere anche per quello politico e sociale. Intanto scalda i motori anche il mondo universitario, con una sequela di convegni uno via l’altro.  Continue reading “Attori, autori e avanguardie: il maggio del cinema pensato”

Universi, formati, teorie: la lunga primavera del pensiero cinematografico

Cominciata alla grande a stagione convegnistico-festivaliera della primavera/estate 2017, come annunciato la scorsa volta, ci troviamo ora nel pieno dell’ondata di ricerca, di aggiornamento e di pratica cinefila. Che dire? Manca sempre il tempo per fare tutto, e se anche Ghezzi ci dice che siamo piuttosto noi che manchiamo al tempo, purtroppo poco cambia. Come quando avete bisogno di un idraulico: se anche esistono cento mondi paralleli e l’anti-materia potrebbe svelarci cose impensabili, il problema resta. Cerchiamo comunque di fare un po’ di ordine e chiediamo venia se il blog ha assunto un andamento ormai quindicinale in questa fase. Continue reading “Universi, formati, teorie: la lunga primavera del pensiero cinematografico”

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑